Esplora contenuti correlati

 

Informativa Vaccinazioni covid-19

25/02/2021

 
Informativa Vaccinazioni covid-19
 

Sulla base delle indicazioni comunicate dalla ATS Milano ed al fine di evitare il proliferare di notizie poco attendibili, che destano inutile allarmismo e ingiustificata preoccupazione, specie nei Cittadini appartenenti alle fasce di età più elevata,  si riepilogano brevemente  le procedure finora messe in campo o in corso di definizione:

fase 1                   

Utilizzo dei vaccini M-RNA (oggi Pfizer e Moderna) dedicati ai pazienti anziani (>80 anni) , appena avviata, cui seguiranno quelle destinate ai pazienti con età compresa tra i 55/65 e gli 80 anni oppure fragili oppure con patologie croniche. 

Le caratteristiche dei vaccini hanno determinato, per la somministrazione degli stessi,  la scelta di selezionare centri organizzati in grado di garantire sicurezza e volumi sufficienti di attività per evitare lo spreco di dosi . In questo momento i Centri Vaccinali attivi nel territorio di ATS sono 16, con la previsione che da marzo diventino circa 25, ripartiti in su tutto il territorio di ATS. Il sistema di prenotazione regionale prevede la proposta di un appuntamento nel centro vaccinale più vicino alla residenza dell’assistito, senza necessariamente rispettare i confini amministrativi dei distretti.

Per quanto riguarda infine le vaccinazioni per gli assistiti registrate dai Medici di base o presso le Farmacie come non trasportabili, questi saranno a breve contattati dalle singole ASST per meglio organizzare la somministrazione del vaccino attraverso gli stessi Medici di base, le USCA oppure le equipe dell’Assistenza Domiciliare Integrata. 

fase 2

Destinata alla popolazione generale, sana e di età inferiore a 55 anni, per la quale è indicato anche il vaccino AstraZeneca. Dalle ultime indicazioni di AIFA emerge che la fascia di età potrebbe essere estesa fino ai 65 anni.

In questa fase (il cui inizio non è stato ancora definito), sarà possibile attivare una rete di centri vaccinali molto più estesa e capillare, che potrà andare da grandi hub in grado di effettuare migliaia di vaccinazioni al giorno, a strutture piccole, a strutture temporanee gestite direttamente dai medici di base, fino alle farmacie.