Siglato l’accordo tra Amministrazione Comunale e Per Bussero a 4 Zampe con l’obiettivo di fornire un contributo per conoscere diritti e doveri dei possessori di cani, delle leggi e regolamenti riguardanti i nostri amici con l’obiettivo di una maggiore consapevolezza sui comportamenti e per una migliore convivenza tra tutti i cittadini.

Oltre a fornire le principali norme di comportamento e le indicazioni per chi possiede un animale domestico, il documento contiene anche alcune preziose informazioni per chi ha un cane o un gatto.

ANAGRAFE CANINA REGIONALE

Che cos’è?

L’Anagrafe Canina Regionale è il sistema informatizzato per la registrazione di cani presenti sul territorio regionale attraverso:

  • l’identificazione con il microchip
  • la registrazione dei cani nella banca dati regionale

Iscrivere un cane all’Anagrafe è il primo e fondamentale gesto per contrastare il fenomeno del randagismo e dell’abbandono, con tutte le ripercussioni che tale fenomeno comporta in termini di sofferenza degli animali e di pericolo per i cittadini.

Il sistema vede coinvolti i medici veterinari delle ATS (Agenzia per la Tutela della Salute), i medici veterinari liberi professionisti e i Comuni.

La predisposizione di un unico sistema in capo alla Regione è stato avviato nel 2002 con l’indicazione di utilizzare quale metodo di identificazione il microchip, in sostituzione del tatuaggio.

Attualmente la Banca dati regionale, che oggi gestisce circa 860.000 cani, consente di registrare ogni “evento” (cambi di proprietà, smarrimento, furto, ritrovamento, decesso) che riguarda i cani microchippati e regolarmente iscritti e consente di conoscere in modo sempre più dettagliato il fenomeno dell’abbandono, indirizzando in tal modo le politiche regionali per attuare gli interventi di prevenzione.

Con l’Anagrafe Canina Regionale si è creato un sistema che vede il medico veterinario, pubblico o libero professionista, al centro di questo sistema, come riferimento per veicolare ai proprietari il concetto di proprietà responsabile degli animali da compagnia. Lo stesso, inoltre interagisce con il sistema informativo nazionale, che nel frattempo è stato creato presso il Ministero della Salute, con l’obbiettivo di creare una rete nazionale che integri le banche dati delle regioni.

A cosa serve?

  • A conoscere la consistenza e la distribuzione della popolazione canina.
  • A garantire la veloce restituzione dei cani smarriti ai legittimi proprietari.

Come funziona?

Il cane viene identificato con un “microchip”, che viene applicato dal Medico Veterinario per via sottocutanea, in modo rapido, innocuo e indolore. Il microchip è contenuto in una capsula di pochi millimetri e contiene un numero di identificazione univoco, che viene rilevato mediante uno strumento denominato “lettore”.

Dopo aver applicato il microchip il Medico Veterinario registra nell’anagrafe canina il numero del microchip, i dati caratteristici del cane e i dati relativi al proprietario.

Da questo momento il cane è correttamente iscritto all’anagrafe: al proprietario viene consegnato un certificato di iscrizione, completo dei dati registrati.

È obbligatorio iscrivere i cani all’anagrafe?

Sì, l’iscrizione all’anagrafe dei cani, oltre che essere utile per il proprietario, è anche un obbligo di legge.

Il proprietario o il detentore, compreso il commerciante e l’allevatore, deve provvedere all’iscrizione del proprio cane in anagrafe entro trenta giorni dalla nascita o entro quindici giorni dal momento in cui ne entra in possesso e comunque prima della sua cessione a qualunque titolo (art. 109 comma 2, della legge regionale 33/2009).

Chi non l’avesse ancora fatto, deve provvedere al più presto.

Il mio cane è tatuato: devo comunque provvedere a identificarlo con il “microchip”?

Se il tatuaggio è stato applicato anteriormente al 1° gennaio 2004 ed è ben leggibile, il cane viene considerato correttamente identificato e non è obbligatorio applicare il “microchip”.

Tuttavia quest’ultimo sistema viene raccomandato perché più affidabile rispetto al tatuaggio.

Cosa devo fare per iscrivere il mio cane in anagrafe?

Il proprietario, con documento di identità e codice fiscale, deve rivolgersi esclusivamente al Dipartimento di Prevenzione Veterinario dell’ATS, oppure a un Medico Veterinario libero professionista accreditato.

Il Medico Veterinario provvede contestualmente:

  • all’inoculazione del microchip, che identificherà in modo univoco e permanente il cane;
  • all’iscrizione del cane nell’Anagrafe Canina Regionale.

Devo comunicare eventuali variazioni?

Sì, è obbligatorio segnalare, entro quindici giorni, i seguenti eventi, che determinano variazioni dei dati presenti in anagrafe:

–      variazione di proprietà;

–      cambio di residenza;

–      decesso del cane.

Cosa devo fare se ho smarrito il mio cane o me lo hanno rubato?

La scomparsa del proprio cane deve essere denunciata al più presto e comunque entro sette giorni al Dipartimento di Prevenzione Veterinario dell’ATS o alla Polizia Locale del Comune dove si è verificato l’evento.

Quali sanzioni sono previste se non iscrivo il mio cane all’anagrafe?

In caso di mancata iscrizione del proprio cane in anagrafe, o di omessa segnalazione di variazione dei dati registrati è prevista una sanzione amministrativa da 25 a 150 euro, fatte salve le ipotesi di responsabilità penale.

 

IL SERVIZIO VETERINARIO ASL SUL NOSTRO TERRITORIO

 

Servizio Veterinario dell’ASL MI 2 di Melzo

Via Mantova 10  –  Melzo

Tel      02 92654866 – 7

Fax      02 92654864

 

OBBLIGO DI RACCOLTA DELLE DEIEZIONI CANINE

I proprietari, o detentori a qualsiasi titolo dei cani, hanno l´obbligo di raccogliere le deiezioniprodotte dagli stessi in ogni luogo, sia al chiuso sia all´aperto (comprese le aree cani), in modo da mantenere e preservare lo stato di igiene e decoro dei luoghi.

I proprietari e/o detentori di cani che si trovino su area pubblica o di uso pubblico, ai sensi di quanto previsto dal vigente Regolamento di Polizia Urbana, hanno l´obbligo di essere muniti di apposita paletta o sacchetto o altro idoneo strumento per una igienica raccolta o rimozione delle deiezioni.

I proprietari sono altresì obbligati a depositare le deiezioni, introdotte in idonei involucri o sacchetti chiusi, nei cestini porta rifiuti.

La mancata raccolta delle feci è punita con una sanzione amministrativa.

Avere inoltre rispetto e attenzione ai muretti di alcune abitazioni, ai marciapiedi con muri attigui, ai pali della luce o recinzioni di giardini privati, poiché spesso accade che i proprietari lasciano urinare il proprio cane (generalmente maschio) invece che recarsi negli spazi verdi o in aree apposite provocando in estate forti odori spiacevoli.

A Bussero il verde non manca di certo!!

 

AREE CANI A BUSSERO

L’Amministrazione comunale ha riservato alcuni spazi di verde pubblico, debitamente recintato, ai nostri amici a quattro zampe.

In queste aree i cani possono giocare e correre liberamente in quanto non c’è l’obbligo del guinzaglio.

Le attuali aree dedicate ai nostri amici a quattro zampe sono così dislocate:

  • Via Guido Rossa
  • Viale Europa, area verde vicino al benzinaio
  • Quartiere Galassa

Il Comune di Bussero sta verificando la realizzazione, nel corso della legislatura, di ulteriori aree cani.

Come ci si comporta in Area cani

  • Introdurre i cani all’interno dell’area con il guinzaglio e liberarli solo dopo aver verificato le condizioni di sicurezza e/o di opportunità.
  • Chiudere tempestivamente il cancello d’ingresso entrando/uscendo dall’area.
  • Vigilare costantemente sui propri animali in modo da intervenire tempestivamente in caso di necessità.
  • Essere muniti di museruola da applicare in caso di rischio.
  • Raccogliere le deiezioni e depositarle nel cestino.
  • Evitare di portare cani femmina nel periodo del calore.

Ricordiamo a tutti di rispettare il verde, che rappresenta un patrimonio di tutti i cittadini e che è fatto obbligo di raccogliere le “deiezioni canine” anche all’interno delle aree cani.

 

ALCUNE REGOLE DI COMPORTAMENTO URBANO

I detentori di cani o di altri animali in luoghi privati dovranno custodire i medesimi in modo che non possano arrecare danno o molestia a chi transiti sulla pubblica via.

Fermo restando quanto previsto dalle vigenti norme, è altresì vietato ai proprietari o detentori di animali anche domestici, abbandonare o lasciar vagare i medesimi in modo da poter costituire pregiudizio per la quiete, o molestia per la circolazione cittadina, o pericolo per la sicurezza in genere. È inoltre vietato condurre, lasciar vagare o abbandonare i medesimi se affetti da malattie, ferite od altre lesioni cutanee.

Nei luoghi pubblici od aperti al pubblico tutti i cani devono essere muniti di collare e dovranno essere tenuti con solido guinzaglio.Un suggerimento dettato dall’esperienza pratica è di dotare il cane di apposita medaglietta(segnaliamo che a Milano è obbligatoria e sanzionabile) con i recapiti telefonici per poter contattare immediatamente il proprietario in caso di smarrimento

I cani e gli altri animali trovati a vagare in luogo pubblico saranno catturati dal personale a ciò addetto a seguito di segnalazione alla Polizia Locale– cellulare 3349967884  –  Centrale operativa 029529677 o ai Carabinieri

È proibito impedire agli addetti alla cattura l’esercizio delle loro funzioni come pure cagionare o favorire la fuga degli animali da catturare.

È vietato molestare gli animali o utilizzarli in modo da arrecare agli stessi molestie o sofferenze.

 

DESIDERI UN CANE?

RIVOLGITI ALLE STRUTTURE DEL TERRITORIO

Se desideri un cane, e sei consapevole dell’impegno che esso richiede, se hai lo spazio e le condizioni familiari favorevoli ti consigliamo di rivolgerti alle strutture presenti sul territorio.

In canile i cani conducono una vita da carcerati innocenti, in attesa di essere adottati o di terminare la loro triste esistenza.

La soluzione è “Regalare una vita degna di essere vissuta ad ognuno di loro” e, al contempo, lottare tutti insieme in modo che la scelta del prendere un animale con sé sia consapevole e si possa così combattere il fenomeno dell’abbandono.

Non sempre la convivenza con un animale è semplice come si potrebbe pensare di primo acchito ed il fenomeno negativo più visibile di questa scarsa valutazione dell’impegno che sempre comporta la presenza di un animale nella nostra vita è proprio l’abbandono.

Ti suggeriamo questa strada perché:

  • offre alle famiglie l’opportunità di regalarsi l’amore incondizionato di un quattrozampe facendo al contempo una buona azione di enorme impatto educativo
  • promuove la consapevolezza che prendere con sé un animale d’affezione è un impegno da onorare al meglio per tutta la vita dello stesso, considerandolo un membro in più della nostra famiglia

 

Se realmente desideri un cane, con un gesto di grande civiltà che saprà colmarti di amore e di riconoscenza, rivolgiti a:

CANILE RUSSO DI VIGNATE

Via Emilia  –  20060 Vignate (MI)

Telefono   02 956 7386

Orari: tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.

Sabato e domenica chiuso

 

COSA FARE SE…..

 

Perdo il cane ….

Nonostante il consiglio fondamentale di tenere il cane al guinzaglio, può accadere che il cane si allontani e…non sappiamo cosa fare.

Se è “microcippato” (obbligo di legge) e se dotato di medaglietta con i numeri telefonici, chi lo trova avrà la possibilità di contattarti.

In ogni caso informa subito la Polizia Locale e il Canile Russo di Vignate in modo che ti possano contattare nel caso dovessero ricevere segnalazioni.

Trovo un cane ….

Se si fa avvicinare ed è docile verifica se ha la medaglietta con i recapiti telefonici.

Diversamente informa subito la Polizia Locale e il Canile Russo di Vignate per il recupero del cane in modo che non resti per strada con pericolo per le persone e per l’animale.

 

Verifico dei maltrattamenti su animali o animali in difficoltà

In questo caso rivolgiti immediatamente al:

Distretto Veterinario Adda Martesana

Tel. 02.92654888  –  02.92654875

Email:  dvaddamartesana@ats-milano.it

Oipa:Via Gian Battista Brocchi 11 – 20131 Milano – Tel. 02 6427882 – Fax 178 2206601

email:milano@oipa.org- info@oipa.org- oipa@pec.it- sito: www.oipa.org/italia

Enpa:sito: www.enpa.it

 

I numeri per contattare la Polizia Locale

  • Cellulare 3349967884
  • Centrale operativa 02.95440440
  • Segnalazioni dalle 20.00 alle 08.00 02.86882200

 

COME MIGLIORARE I COMPORTAMENTI DEL CANE

Qualche lezione di addestramento comportamentale può essere sufficiente per migliorare la sintonia tra il proprietario e l’animale. In questi corsi vengono formati sia il proprietario che il cane. Questo aspetto viene sovente sottovalutato a scapito di una corretta convivenza tra i due soggetti, ma anche nel rapporto con persone o animali terzi.

 

E SE HO UN GATTO?

Fino ad aprile 2018 non esisteva l’obbligo di microcippare i gatti, ma a partire da questa data è necessario farlo per i nuovi nati,per qualsiasi cessione volontaria o di necessità o in occasione di una sterilizzazione (legge quadro 281/91).

L’anagrafe dei gatti e le motivazioni per cui farlo sono le medesime di quelle dei cani: aiutare a ritrovarli facilmente in caso di smarrimento e rilevare il numero di felini presenti sul territorio.

Se fortunatamente nella nostra zona non esiste il randagismo di cani, nel nostro Comune e in quelli limitrofi si registrano invece molti casi di abbandoni di gatti in quanto, non essendo microcippati, è semplice liberarsene.

Molti proprietari hanno ancora la convinzione che un gatto sterilizzato non cacci più i topi, cosa fasulla e priva di fondamento.

Il gatto, per sua indole caccia la preda, anche se privato della sua sessualità o alimentato a dovere.

L’esperienza ci conferma che non sterilizzare è un fatto irresponsabile poiché con l’accoppiamento i gatti possono trasmettersi la FIV (immunodeficenza felina – simile al nostro HIV) e la FELV (leucemia felina).

Queste malattie non trasmissibili all’uomo, possono essere propagate ai gatti domestici abituati ad uscire in giardino, quindi non solo ci sarebbe un controllo delle nascite e una prevenzione al randagismo, ma anche una minor propagazione delle stesse.

Collaborare con l’Azienda Sanitaria di zona è possibile prenotando le sterilizzazioni, sempre che ci si organizzi con il post operatorio, poiché la lista delle sterilizzazioni è lunghissima le ATS chiedono ai cittadini di trovare adeguato stallo per la degenza, in modo da intervenire con rapidità.

 

Se il trovo un gatto perso? Se trovo un gatto ferito?

In questo caso è meglio portarlo da un veterinario per verificare lo stato di salute e verificare se è microcippato; prima di portarlo al Gattile di Vignate(lo stesso dei cani) e sempre meglio cercare di pubblicizzare l’accaduto con foto e volantini o tramite le associazioni dedicate come Enpa /Oipa.

Infatti i gatti hanno meno facilità ad essere adottati e quindi è meglio, prima di portarli al Gattile, verificare con altri mezzi se si riesce a trovare il proprietario o una ricollocazione adatta.

 

Per ulteriori informazioni e delucidazioni contatta le persone sotto indicate

 

Per l’Amministrazione Comunale

L’Assessore

Paolo Crippa

Per “Bussero 4 zampe”

Francesco Pavan

Ilenia Saragosa

Mauro Manetti

Alessandra Reda

Ezio Ferrari

 

 

 

Share
This