si comunica che, nel rispetto delle normative vigenti e delle tempistiche necessarie allo svolgimento delle pratiche CIE , i cittadini sono invitati a presentarsi entro l’orario fissato muniti della documentazione idonea, come di seguito riassunta:

– ricevuta dell’appuntamento

– una fotografia recente cartacea o su supporto elettronico (usb max 500 kb)

– vecchia carta d’identità (permesso di soggiorno per stranieri), codice fiscale (tessera sanitaria)

– pagamento il giorno dell’appuntamento € 22,21 (contanti o POS)

minori: presenza del minore con entrambi i genitori o di un genitore con l’assenso dell’altro

 

si precisa che in caso di ritardi o documentazione non idonea si dovrà fissare un nuovo appuntamento

Servizi  Demografici

 

06 Feb 2019

ELEZIONI EUROPEE 2019

Elettori temporaneamente all’estero, termine per la presentazione della domanda per poter esprimere il voto.

Comunicato Ministero dell’interno 29/1/2019

Pubblicato sulla G.U. n. 24 del 29/01/2019 il Comunicato del Ministero dell’Interno relativo alle prossime Elezioni europee.

Il Consiglio dell’Unione europea, con decisione (UE, Euratom) 2018/767 del 22 maggio 2018, ha fissato per le none elezioni dei membri del Parlamento europeo a suffragio universale e diretto il periodo dal 23 al 26 maggio 2019.

Al fine di poter esprimere il voto per i membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia presso le sezioni elettorali istituite nel territorio degli altri Paesi  membri dell’Unione, gli elettori italiani non iscritti nell’elenco degli elettori residenti  negli altri Paesi membri dell’Unione e che ivi si trovino per motivi di lavoro o di studio, nonché gli elettori familiari con essi conviventi, devono far pervenire entro il 7 marzo 2019 al Consolato competente apposita domanda diretta al sindaco del comune nelle cui liste elettorali sono iscritti

Si allega Domanda di Voto : EUROPEE – modulo domanda temporanei 

Modulo di richiesta bacheche

Leggi il Regolamento per la comunicazione dei gruppi consiliari e forze politiche locali VERSIONE DEFINITIVA   all’interno del quale troverete la tavola di ubicazione delle bacheche comunali

Delibera di G.C. n. 91 del 15 novembre 2018   con oggetto:  Determinazione canone di concessione per utilizzo delle bacheche informative sul territorio comunale.

Il nuovo Parco della “Martesana” è stato riconosciuto nel territorio di Bussero e Cassina con Decreto del Sindaco Metropolitano (QUI IL TESTO INTEGRALE  DSM 189.2018 Riconoscimento Martesana). Bussero sarà il Comune capofila del nuovo Parco Locale di Interesse Sovracomunale. Oltre 74 ettari distribuiti nel territorio dei Comuni di Bussero e Cassina de’ Pecchi, che prenderanno il nome, proprio dal Naviglio sul quale si affacciano le aree conferite al nuovo parco.

 

Il primo Protocollo di Intesa tra Citta’ Metropolitana e i Comuni di Bellinzago Lombardo, Bussero, Cassina de’ Pecchi, Cernusco sul Naviglio, Gessate, Gorgonzola, Inzago, Milano, Pioltello, Pozzo d’Adda, Vaprio d’Adda, e Vimodrone, finalizzato alla nascita del PLIS risale al 21/12/2015, anche se l’ amministrazione comunale di Bussero aveva già vincolato le aree nell’approvazione nel PGT, a conferma della forte volontà della realizzazione del nuovo Parco.

LE AREE

Il territorio destinato a Parco che insiste sul Comune di Bussero riguarda l’area situata nella zona meridionale lungo il Naviglio, mentre le aree individuate dal Comune di Cassina de’ Pecchi sono in parte situate lungo il Naviglio, in parte limitrofe al Parco Agricolo Sud Milano, mentre un’area di maggiori dimensioni si trova nella zona occidentale a confine con il Comune di Cernusco sul Naviglio. L’istituzione del nuovo Parco inoltre realizza anche il collegamento con il Parco Agricolo Nord Est e con il Parco Agricolo Sud Milano.

SVILUPPO E RISORSE: IL FUTURO DEL PARCO

 

Al centro dello sviluppo del nuovo Parco, ci sono gli accordi con altri enti, strutture e istituzioni per reperire risorse e sviluppare nuove progettualità concrete e realizzabili , ma soprattutto l’ingresso degli altri comuni nel nuovo ente che hanno già manifestato l’interesse a farne parte . Sul futuro del Parco Martesana tra cui Gessate, Gorgonzola, Cernusco sul Naviglio, Vimodrone e con i tempi necessari il Comune di Milano. Sono già in corso invece cont atti con il Politecnico di Milano che fin da subito si è dimostrato interessato allo sviluppo di progettualità inedite e innovative rispetto ad altre esperienze analoghe”.