Amministrazione comunale e istituzione scolastica stanno tenendo un confronto continuo per garantire un ritorno a scuola in sicurezza e alle condizioni migliori per gli studenti e le loro famiglie. Il servizio di pre e post scuola, a causa dell’incertezza sulle modalità operative dovute all’emergenza Covid-19, potrebbe subire variazioni in ordine ai costi e alle modalità di erogazione e, in ogni caso, sarà subordinato alle disposizioni emesse dall’Autorità governativa e/o regionale. 

Al fine di conoscere la reale necessità delle famiglie per il prossimo anno scolastico si chiede ai cittadini interessati di compilare la domanda di pre-iscrizione (scaricabile qui) la quale ha valenza solo esplorativa e non costituisce iscrizione formale. La richiesta dovrà pervenire all’ufficio Istruzione inviandola all’indirizzo istituzionale protocollo.bussero@pec.it  (si fa presente che l’indirizzo indicato è aperto a tutti i tipi di e-mail, anche se NON certificate) entro la data del 15/08/2020.

Successivamente, agli utenti che hanno provveduto alla pre-iscrizione, verrà data comunicazione delle modifiche organizzative eventualmente apportate e si richiederà di formalizzare l’iscrizione utilizzando i servizi on-line del Comune di Bussero. 

Si ricorda che requisito indispensabile per usufruire del servizio, è il regolare assolvimento dei debiti pregressi.

Rimborso quota servizi di PRE/POST scuola – II trimestre a.s. 2019-2020

Si comunica che, a seguito della sospensione del servizio di pre e post scuola nell’a.s. 2019-2020 a causa emergenza Covid-19, l’Amministrazione Comunale provvederà al rimborso delle tre settimane non usufruite (dal 25/02/2020 al 15/03/2020), secondo le modalità che verranno successivamente indicate sul sito istituzionale.  

Si avvisa che per ottenere il suddetto rimborso le famiglie non devono avere debiti pregressi sui servizi sopracitati.

 

 

Gli elettori italiani residenti all’estero votano per corrispondenza (il plico verrà inviato dal Consolato di riferimento). E’ prevista la possibilità di votare in Italia previo invio del modello allegato, da inviare entro la data 28/07/2020, all’ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza dell’elettore.

Opzione di voto per i residenti all’estero

L’emergenza Coronavirus ha bloccato tutto il Paese, scuole comprese. E da quando il lockdown è finito e le misure di contenimento si sono allentate, il pensiero è andato subito al ritorno a scuola a settembre di bambini e ragazzi. Amministrazione comunale, uffici, dirigenza e organi scolastici si sono incontrati per prepararsi al meglio ad una sfida complessa e che dovrà vedere unite tutte le parti coinvolte.

L’obiettivo è garantire un ritorno a scuola in completa sicurezza. Proprio per questo motivo l’amministrazione ha deciso di stanziare delle risorse per l’acquisto di nuovi e ulteriori banchi e per tutte quelle macchine e dispositivi che garantiranno una sanificazione costante e accurata, così come anche stabilito dalle linee guida del Ministero dell’Istruzione. Ulteriori accorgimenti saranno un ingresso scaglionato – anche se in un arco di tempo limitato – degli studenti e delle studentesse a scuola e l’accesso alla mensa scolastica organizzato su turnazione, così da scongiurare assembramenti.

Le scuole di Bussero, a differenza di molte altre realtà, non hanno fortunatamente problemi di spazi e questo faciliterà la distribuzione degli alunni all’interno dei plessi senza dover ricorrere a strutture esterne. Obiettivo della scuola e dell’amministrazione è garantire il tempo scuola, cosa che se per la scuola primaria e secondaria non solleverà problemi, potrebbe invece creare qualche difficoltà per la materna. Anche in questo caso, è stato verificato che ci sono spazi adeguati per formare gruppi classe più piccoli. Il problema è invece il numero di insegnanti e nel monte ore complessivo di ciascuno che, al momento e a disposizioni vigenti, risulta inadeguato a garantire lo stesso tempo scuola degli anni precedenti. 

«L’obiettivo principale è far tornare studenti e studentesse a scuola in completa sicurezza, dopo un distanziamento necessario, ma innaturale soprattutto per i più giovani – ha dichiarato il Sindaco di Bussero Curzio Rusnati – Ci auguriamo che  il Governo, responsabile in materia, trovi entro l’estate una soluzione – ha proseguito – per garantire una copertura oraria sufficiente nelle scuole materne. L’Amministrazione comunale, insieme alla scuola, agli uffici e al ricco tessuto associativo di Bussero – ha concluso – sta in ogni caso lavorando a diverse soluzioni per garantire un orario completo ai bambini in caso novità non dovessero sopraggiungere».

«L’Istituto deve necessariamente rivedere le proprie modalità organizzative pianificando, programmando e progettando soluzioni diverse che possano offrire risposte efficaci alle situazioni con cui dovremo fare i conti durante il prossimo anno scolastico – ha aggiunto la Dirigente scolastica Annamaria Borgione – La nostra Scuola propone il modello di riapertura dopo un’attenta considerazione e analisi di alcuni elementi fondamentali – ha sottolineato – tra cui l’edilizia scolastica, l’organizzazione didattica ed il rispetto dei criteri di sicurezza. Tutto ciò nell’ottica di riorganizzare gli spazi ed i tempi di apprendimento, coniugando la promozione della vita relazionale con il rispetto del “distanziamento sociale” e ascoltando le richieste dell’utenza»

Si comunica che in data Martedì 14 luglio 2020 alle ore 9:30, presso l’ufficio Istruzione Cultura e Sport, verrà svolta in seduta pubblica l’apertura delle buste contenenti l’offerta tecnica pervenute nei termini previsti dalla procedura di gara relative al servizio di gestione del campo sportivo comunale.

Qui è possibile scaricare la Domanda

Regione Lombardia intende sostenere gli assegnatari di servizi abitativi pubblici in comprovate difficoltà economiche, di carattere transitorio, attraverso il riconoscimento di un contributo di solidarietà a carattere temporaneo, come previsto dall’art. 25, comma 3 della Legge Regionale n.16 del 2016.

1.FINALITA’ DEL CONTRIBUTO REGIONALE DI SOLIDARIETÀ E DESTINATARI

Il Contributo Regionale di Solidarietà è diretto ai nuclei familiari  assegnatari di alloggi di proprietà comunale che si trovano in comprovate condizioni economiche, tali da non  consentire di sostenere i costi della locazione sociale, dati dalla somma del canone applicato e delle spese per i servizi comuni a rimborso. Il Contributo Regionale di Solidarietà, che ha pertanto carattere temporaneo, copre il pagamento dei servizi a rimborso ed integra la differenza tra canone applicato e canone minimo per la prestazione del servizio.

2.REQUISITI DI ACCESSO

Possono presentare domanda per l’assegnazione del Contributo Regionale di Solidarietà i nuclei familiari in possesso di tutti i seguenti requisiti alla data del 31 LUGLIO 2019 (data di approvazione della DGR XI/2064):

a)Essere assegnatari degli alloggi SAP (servizi abitativi pubblici) di proprietà del Comune;

b)Possedere un periodo minimo di permanenza nell’alloggio SAP di 12 mesi dalla data di stipula del contratto di locazione sociale;

c)Appartenere alle aree della Protezione e dell’Accesso ai sensi dell’art. 31 della L.R. 27/2009 e s.m.i.;

d)Avere una morosità per canoni e spese non superiore ad € 8.000,00 (euro ottomila/00).

3. CONDIZIONALITA’ DEL CONTRIBUTO – PATTO DI SERVIZIO

Gli utenti che risulteranno beneficiari del Contributo Regionale di Solidarietà dovranno sottoscrivere il Patto di Servizio (allegato B), nei tempi e con le modalità che saranno indicati dal servizio sociale, impegnandosi con tale sottoscrizione a:

a) Mantenere aggiornata la propria posizione anagrafica ed economico patrimoniale nell’ambito dell’anagrafe Utenza;

b) Corrispondere le mensilità correnti del canone di locazione a far data dalla sottoscrizione del Patto di Servizio;

c) Se disoccupato e in età lavorativa (per i componenti disoccupati dei nuclei familiari beneficiari), attivare un percorso di politica attiva del lavoro entro 3 mesi dalla data di sottoscrizione del Patto di Servizio.

4.ENTITÀ E FINALITÀ DEL CONTRIBUTO REGIONALE DI SOLIDARIETÀ

Con riferimento alla DGR 31/7/2019 n. XI/2064, è stabilito un contributo massimo, per i nuclei familiari in comprovate difficoltà economiche (art. 25, comma 3, L.R. 16/2016) in possesso dei requisiti di cui al punto 2 del presente avviso, pari a:

€ 2.500,00 per soggetti con ISEE compreso tra € 0,00 ed € 7.000,00;  € 2.000,00 per soggetti con ISEE compreso tra € 7.001 ed € 9.000,00;  € 1.500,00 per soggetti con ISEE compreso tra € 9.001,00 ed € 15.000,00.

Il contributo è finalizzato:

– in primo ordine alla copertura delle spese dei servizi comuni a rimborso dell’anno 2019, comprese le bollette di conguaglio dei servizi emesse nel 2019;

–  in secondo ordine, e fino al raggiungimento del valore massimo fissato per le fasce ISEE, come credito per la locazione sociale del nucleo familiare, compresa la copertura del debito pregresso, secondo modalità che saranno definite dal Nucleo di valutazione istituito a supporto del responsabile del procedimento.

Il RUP, con il supporto nucleo di valutazione, può valutare l’opportunità di assegnare il contributo 2019 ai beneficiari dei contributi 2017 e 2018, tenendo conto della situazione economica e sociale del nucleo familiare, purché lo stesso abbia adempiuto agli impegni del precedente Patto di servizio sottoscritto.

5. MODALITÀ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Al fine di ottenere il Contributo Regionale di Solidarietà, i nuclei familiari in  comprovate difficoltà economiche e in possesso dei requisiti di cui al precedente punto 2, dovranno presentare domanda, corredata di Isee, a partire dalla data di pubblicazione del presente Avviso ed entro il giorno 21 agosto 2020 compilando l’apposito modulo editabile presente sul sito istituzionale e inviandolo al seguente indirizzo:  protocollo.bussero@pec.it

6. ISTRUTTORIA DELLA DOMANDA E FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA

Il Comune, dopo aver nominato un Responsabile del Procedimento (RUP) per l’assegnazione del contributo Regionale di Solidarietà, istituisce, senza alcun onere per l’ente proprietario, un Nucleo di Valutazione, che segue l’istruttoria delle domande come segue:

a) Esame delle domande pervenute entro i termini del presente Avviso e verifica la sussistenza dei requisiti di accesso di cui al precedente punto 2;

b) Predisposizione dell’elenco dei possibili beneficiari secondo i seguenti criteri:

NUCLEO FAMILIARE

figli minori                                                                                                                                               2 punti ciascuno

persona con invalidità                                                                                                                           3 punti ciascuna

anziano ultrasettantacinquenne                                                                                                          2 punti ciascuno

SITUAZIONE ECONOMICA

Isee fino a € 7.000                                                                                                                                   5 punti

Isee da € 7.000 a € 9.000                                                                                                                      3 punti

Isee da € 9.001 a € 15.000                                                                                                                     2 punti

SITUAZIONI DETERMINATE DA EMERGENZA COVID-19 – da attestare con documentazione

Perdita del posto di lavoro/cessazione di attività libero professionali                                         5 punti

Mancato rinnovo di contratti con termine nel corso dell’emergenza sanitaria                          5 punti

Riduzione del reddito familiare superiore al 35%                                                                            3 punti

c) Convocazione dei potenziali beneficiari secondo l’elenco di cui alla lettera b) per la sottoscrizione del Patto di Servizio con cui il beneficiario si impegna a:

– corrispondere le mensilità correnti del canone di locazione a far data dalla sottoscrizione del Patto; –     mantenere aggiornata la propria posizione anagrafica ed economicopatrimoniale nell’ambito dell’anagrafe utenza; –     se disoccupato ed in età lavorativa (per i componenti disoccupati dei nuclei familiari beneficiari, esclusi pertanto i pensionati), attivare un percorso di politica attiva del lavoro presso uno degli operatori accreditati all’albo regionale per i servizi al lavoro, entro 3 mesi dalla data di sottoscrizione del Patto;   d) Sulla base della sottoscrizione del Patto di Servizio da parte dei richiedenti il RUP predispone la graduatoria finale delle domande ammissibili e finanziabili e delle domande ammissibili ma non finanziabili per esaurimento delle risorse indicando il contributo riconosciuto.

8. MODALITA’ DI RICHIESTA CHIARIMENTI E INFORMAZIONI

Per qualsiasi chiarimento o informazione sui contenuti del presente Avviso, è possibile rivolgersi ai seguenti contatti:

Paola Limongelli:  tel. 02/9533334 (giovedì)
Federica Buonaguidi:  tel 02/9533351
Stefania Franceschini: tel. 02/9533352

9. ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PRIVACY

Ai fini del rispetto delle vigenti disposizioni in materia di privacy (Regolamento Europeo n°679/2016) si rende noto che:
• i dati personali forniti verranno trattati esclusivamente per le finalità del presente Avviso, potranno essere comunicati ad altri Enti/società nel rispetto delle disposizioni normative vigenti;
• il conferimento dei dati ha natura obbligatoria in quanto indispensabili per avviare il procedimento amministrativo e l’erogazione del beneficio;
• il dichiarante ha diritto, all’accesso, all’aggiornamento e rettifica, all’opposizione al trattamento, alla cancellazione e limitazione all’utilizzo dei suoi dati personali;
• il Titolare del trattamento è il Comune di Bussero, nella persona del Sindaco;
• l’informativa relativa alla privacy è disponibile sul sito istituzionale del Comune di Bussero nella sezione “Privacy”
• il Responsabile del procedimento, ai sensi dell’art. 5 della L. n. 241/1990 è la responsabile del Settore Servizi Sociali, Floriana Gandini.

È fatta salva la possibilità di un ulteriore utilizzo dei dati per trattamenti successivi compatibili con le finalità della raccolta anche in forma aggregata per elaborazione di statistiche riguardanti il servizio. I dati saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità indicate e nel rispetto degli obblighi di legge correlati. Potrà far valere, in qualsiasi momento, i suoi diritti, in particolare con riferimento al diritto di accesso ai suoi dati personali, nonché al diritto di ottenerne la rettifica o la limitazione, l’aggiornamento e la cancellazione, al diritto di portabilità dei dati e al diritto di opposizione al trattamento, salvo vi sia un motivo legittimo del Titolare del trattamento che prevalga sugli interessi dell’interessato, o per l’accertamento, l’esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria. Potrà esercitare i suoi diritti rivolgendosi al Titolare o al Responsabile della protezione dei dati, presso i contatti sopraindicati. Ha diritto di proporre reclamo all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali qualora ne ravvisi la necessità.

 

Si comunica a tutti gli utenti, anche a quelli che hanno già usufruito del servizio negli anni precedenti, che è necessario effettuare l’iscrizione al servizio mensa per l’a.s. 2020/2021  entro il 24/07/2020 al seguente link:

https://www2.itcloudweb.com/iscrizioninetbussero/login

Per qualsiasi necessità è possibile chiamare il numero 342/1215097 dalle ore 9:00 alle ore 13:00 dal lunedì al venerdì oppure scrivere alla seguente mail: back-office130@vivendaspa.it

In caso di debiti pregressi il sistema bloccherà automaticamente l’iscrizione.

In allegato ulteriori informazioni fornite dalla ditta Vivenda, concessionaria del servizio.