Parte la nuova campagna di CEM Ambiente, ciak.iosonoilmultipak.it

Al via la nuova campagna partecipata di CEM Ambiente, ideata da Emisfero Destro Teatro dal titolo CIAK.IOSONOILMULTIPAK. Basta girare un breve video sul proprio personale rapporto con il Multipak, la raccolta, riuso e riciclo di plastica, tetrapak, alluminio e acciaio, e caricarlo sul portale www.ciak.iosonoilmultipak.it dall’1 al 19 luglio 2020. Partecipando così all’iniziativa di sensibilizzazione sul corretto smaltimento dei rifiuti.

Ciak si gira è un’iniziativa aperta a tutti. Uno sguardo sulla raccolta differenziata, il riuso e il riciclo del Multipak,  con simpatie e antipatie, consigli ed errori, lati positivi e negativi cui tutti possono partecipare.

COME?

Per partecipare basta raccontare in un video di 2 minuti la raccolta differenziata, il riuso e il riciclo del MULTIPAK, ma anche come si raccoglie, cosa si capisce e non si capisce. Il video, poi, va caricato sul portale www.ciak.iosonoilmultipak.it e, alla fine, i video più simpatici e creativi saranno valorizzati da CEM Ambiente e anche utilizzati per la prossima campagna istituzionale sul Multipak. Dopo l’estate, inoltre, ci sarà la premiazione dei video selezionati. Verrà premiato anche il Comune dal quale saranno arrivati il maggior numero di video.

E ora AZIONE! Tutte le info sul sito www.ciak.iosonoilmultipak.it.

Pagina Multipak

CS_ciak_iosonoilmultipak

Da oltre un mese l’Amministrazione comunale ha avviato un confronto continuo con realtà educative e sociali del territorio per studiarne la fattibilità

Questa estate, purtroppo, i centri estivi a Bussero non potranno essere attivati.La decisione è arrivata nei giorni scorsi, dopo un lungo confronto con le realtà associative, sportive e del terzo settore, partita oltre un mese fa.

Al vaglio delle realtà coinvolte, spazi, rapporti numerici educatori – bambini, disposizioni e normative che per via del Covid, si sono rivelate sempre più stringenti e hanno reso di fatto impossibile l’offerta dei servizi estivi per ragazzi e bambini, il cui costo finale avrebbe potuto lievitare oltre i 170 euro a settimana, nonostante le risorse aggiuntive messe in campo dall’amministrazione pari a 35000 euro, oltre ai costi di sanificazione e dispositivi di sicurezza. Una cifra, quella che avrebbero dovuto sostenere le famiglie, ritenuta davvero troppo importante, anche a fronte di “linee guida” che di fatto avrebbero relegato i bambini ad attività che poco si addicono alla loro indole gioiosa, relazionale, e desiderosa di fisicità, ancor più vigorosa dopo un prolungato periodo di distanziamento sociale.

«Non poter offrire un servizio come il centro estivo è un grande dispiacere per me come Sindaco, per l’Amministrazione comunale e per l’intera comunità – ha dichiarato il Sindaco Curzio Rusnati – L’emergenza sanitaria prima e le disposizioni per il contenimento del virus che riguardano anche le attività estive dei ragazzi dopo, hanno reso costi davvero proibitivi. Ringrazio in ogni caso – ha sottolineato – tutte quelle realtà che si sono confrontate con l’Amministrazione con grande impegno e senso di responsabilità per cercare di offrire questo servizio anche in questo periodo. Questa volta non siamo riusciti a raggiungere il risultato per contingenze esterne, ma continua l’impegno e l’attenzione dell’amministrazione comunale verso l’educazione, e i bisogni dei nostri giovani cittadini e delle loro famiglie».

Partono le iscrizioni per la proposta estiva rivolta ai ragazzi dai 11 ai 14 anni targata Geko!

Previste 6 settimane di attività, dal 22 giugno al 31 luglio.

Le iscrizioni resteranno sempre aperte al link
https://forms.office.com/Pages/ResponsePage.aspx…

Per info: l.pirillo@koinecoopsociale.it oppure 348 8647543

ps: il numero minimo di iscritti è 16. La quota versata servirà a coprire gli adempimenti ministeriali in vigore per la realizzazione di attività estive

 

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

La DGR n. 30008 del 30.03.2020 di Regione Lombardia si pone l’obbiettivo di mettere a disposizione uno strumento con il quale dare risposta alla crisi economica prodotta dall’emergenza sanitaria COVID-19, in particolare rispetto al pagamento delle spesa per le abitazioni in affitto. La gestione di questa misura è delegata agli Ambiti territoriali (Piani di Zona) e mette a disposizione nuove risorse economiche quantificate in 4.000.000 di € per l’intera Regione. La Misura verrà gestita attraverso un avviso pubblico, uniforme su tutto il Distretto per requisiti di accesso, criteri e modalità di presentazione della domanda.

Le domande, possibilmente corredate degli allegati richiesti, potranno essere presentate attraverso la piattaforma on-line presente sul sito internet del Comune di residenza.
La misura verrà gestita a Bando (cioè con un periodo di apertura, successivamente al quale verranno valutate le domande, verificati i requisiti e attribuito un punteggio che andrà a formare una graduatoria comunale). Il bando verrà pubblicato a partire dall’1 al 19 giugno 2020

DESTINATARI:

• Nuclei familiari in locazione su libero mercato;

• Nuclei familiari in locazione a canone concordato;

• Alloggi in godimento;

• Servizi Abitativi Sociali (S.A.S. – L.R. n.16 del 2016, sistema abitativo Regionale).

REQUISITI:

• ISEE 2020 di MAX 26.000 € (ordinario o corrente, a scelta del cittadino);

• Per chi non è in possesso della certificazione ISEE 2020 potrà essere presentata certificazione ISEE 2019 o in subordine autocertificazione di possesso del requisito, (che andrà integrata con la presentazione del documento entro i successivi 15 gg dalla data di scadenza del bando);

• Non essere soggetto ad una procedura di sfratto;

• Non possedere altre abitazioni idonee in Regione Lombardia; • Avere un contratto di locazione da almeno un anno (dal 30.03.2019).
Le domande, possibilmente corredate degli allegati richiesti, potranno essere presentate attraverso la piattaforma on-line presente sul sito internet del Comune di residenza.

Per la costituzione della graduatoria verrà attribuito un punteggio, determinato dal criterio ISEE e dal Criterio preferenziale.

CRITERIO ISEE

• Da € 0 a € 7.000 = 40 punti;

• Da € 7000,01 a € 15.000 = 30 punti;

• Da € 15.000,01 ad € 20.000 = 20 punti;

• Da € 20.000,01 ad € 26.000 = 10 punti.

CRITERIO PREFERENZIALE (20 punti)

• Verificarsi di una o più condizioni legate all’emergenza sanitaria Covid -19:

• Perdita del posto di lavoro;

• Riduzione del reddito familiare uguale o superiore al 35%;

• Mancato rinnovo di contratti a termine;

• Cessazione di attività libero professionali;

• Riduzione del reddito familiare connessa a malattia grave o decesso.

Il CONTRIBUTO

Il contributo sarà  erogato direttamente al proprietario dell’immobile (in un’unica tranche) per un massimo di 4 mensilità e fino a 1.000 € a contratto. Il proprietario dovrà sottoscrivere un documento nel quale accetta l’erogazione e rende disponibile un c/c sul quale accreditare il contributo. I beneficiari possono essere anche nuclei familiari che hanno beneficiato di contributi per l’emergenza abitativa in anni precedenti, titolari di Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza